Pubblicato da: MANUEL | 21/12/2009

Cosa sono i brillamenti solari (Solar Flares)

Sono comunemente chiamati con il nome inglese di flares, per noi semplicemente brillamenti, e si manifestano come degli improvvisi bagliori che avvengono sulla superficie di una stella. I fenomeni che avvengono sul Sole si osservano generalmente in prossimità delle macchie solari dove i campi magnetici sono robusti e tumultuosi. Qui i brillamenti sono caratterizzati da eruzioni improvvise di materia ed energia (la cui intensità è pari a decine di milioni di bombe atomiche) tali da generare un rilascio di radiazioni in tutto lo spettro elettromagnetico: dalle onde radio ai raggi X e Gamma.

Per avere un’idea della grandezza che possono assumere i flares, ecco un’immagine di fonte NASA/SOHO che mostra più di ogni parola il rapporto dimensionale con il nostro Pianeta Continua a leggere…

Pubblicato da: MANUEL | 17/12/2009

Propagazione 17-19 dicembre 2009

Come avevamo anticipato, la regione 1035 si sta evolvendo in modo prepotente. In questo momento è grande circa 9 volte più della Terra e possiamo considerarla tra le più importanti dell’anno.

Di contro l’AR1034 (che tre giorni fa aveva ancora dimensioni ed attività abbastanza dignitose) si è ormai dissolta, declassata al rango di H-Alpha Plage. La sua componente nell’attività registrata in questi ultimi giorni è praticamente nulla.

Ecco un’animazione del Solar and Heliospheric Observatory sull’evoluzione dell’AR1035 dal 14 dicembre ad ora

Insieme alle macchie sono stati registrati Continua a leggere…

Pubblicato da: MANUEL | 15/12/2009

Regalo pre-natalizio

Sembrava dovessimo rassegnarci a seguire la lenta estinzione della regione attiva AR1034 di cui abbiamo parlato nel post di tendenza a 3 giorni. Invece… colpo di scena: è spuntato da qualche ora proprio sopra l’AR1034 un nuovo gruppo che domani sarà sicuramente battezzato AR1035 dal NOAA e farà nuovamente impennare il valore di SN.

Il flusso a 2800 MHz è salito a 79, secondo l’ultima misura al momento in cui scriviamo, e se tutto evolverà come immaginiamo (e speriamo) sfioreremo quota 85.

Ecco cosa appare sull’ EIT 304 di SOHO alle 19.19 UT di poco fa (14/12):

Questi al momento gli aggiornamenti dell’ultim’ora. A domani l’analisi dettagliata di cosa potremo aspettarci nei prossimi giorni.

MANUEL

Pubblicato da: MANUEL | 12/12/2009

Niente di nuovo sotto il sole

Nonostante la comparsa da oltre 2 giorni della regione attiva 1034, dopo circa 15 giorni di spotless (conteggio NOAA), l’attività solare rimane a livelli decisamente bassi.

Con un flusso di 72 a 10.4 cm si potrà fare davvero poco: a parte qualche piccola sporadica apertura nelle ore diurne di maggior insolazione sui 15 m., ci sarà il solito povero giro in 20 m. …e solito silenzio in 10 m., a meno di qualche comparsa per E-sporadico in occasione del ARRL 10-Meter Contest.

Al solito, le bande basse dei 40 ed 80 m. riserveranno qualche opportunità in più, ma solo nelle ore notturne.

Per i giorni in corso (12-14 dicembre) è attesa qualche piccola novità legata agli effetti del gruppo attualmente visibile, ma sempre a livello sporadico e poco duraturo… salvo novità che potrebbero nascere ed arrivare dal Behind.

MANUEL

Older Posts »

Categorie